Trama di Far Cry 5

Indice

Premessa

Viene riportata la trama "generica" che si tende a seguire la prima volta: l'ordine in cui liberare le regioni, e l'ordine di svolgimento delle missioni principali, è libero. Di seguito, pertanto, è riportato l'ordine da me seguito.

Torna all'indice

Situazione iniziale

Rook, vicesceriffo di Hope County, nel Montana, ha il compito di arrestare il capo di una setta religiosa e militaristica chiamata Eden's Gate: quest'uomo, di nome Joseph Seed, è conosciuto come il Padre e sta sottomettendo tutta la contea servendosi dei suoi numerosi seguaci. Rook è in azione con i colleghi Pratt e Hudson, con lo sceriffo Whitehorse e con l'agente federale Burke. All'inizio del gioco, i cinque sono a bordo di un elicottero, che atterra vicino a una chiesa: lì Joseph sta predicando, circondato dagli Edeniti (questo è il nome dei seguaci della setta). Egli sostiene che l'umanità è sull'orlo del baratro e che la fine del mondo è vicina.

Torna all'indice

Arresto del Padre

Burke mostra il mandato al Padre, il quale, rivolgendosi ai suoi fedeli, afferma che questo avvenimento rappresenta la rottura del primo sigillo e definisce Burke Il bianco destriero che porta con sé l'Inferno. Egli si mostra disposto a farsi arrestare, poiché pensa che Dio non lo permetterà. È proprio Rook, il protagonista, a dovergli mettere le manette. Nota: Se il giocatore non preme il pulsante per ammanettare Joseph, parte una cutscene in cui lo sceriffo ci dà ragione, e ci ordina di andarcene da lì, senza arrestare il Padre. Si tratta di un finale alternativo "segreto", che permette di finire il gioco in poco meno di dieci minuti. Una volta ammanettato il Padre, si sente un voce che recita A volte la cosa migliore da fare è andarsene via. Rook e gli altri scortano il prigioniero all'elicottero, che si alza in volo. Gli Edeniti però lo abbattono con un lanciarazzi.

Torna all'indice Arresto del Padre

Liberazione del Padre

L'elicottero precipita e va in fiamme. Una volta in salvo, Joseph ordina ai suoi di iniziare la "mietitura", ossia lo sterminio di tutti gli oppositori, e prende come prigionieri alcuni membri del gruppo di Rook; però le fiamme gli impediscono di catturare Burke e Rook, che egli quindi lascia all'interno dell'elicottero. I due riescono a salvarsi; vengono allora inseguiti dagli Edeniti, ai quali sfuggono guidando un'auto, che infine precipita in un fiume perché un aereo da guerra nemico bombarda il ponte che stanno percorrendo.

Torna all'indice

Incontro tra Rook e la resistenza

Riemersi e giunti a riva in punti diversi, Burke viene catturato, mentre Rook incontra un misterioso individuo, Dutch, membro della resistenza che si è formata contro la famiglia Seed: egli vive in un bunker e crede che la fine del mondo sia vicina, ma non condivide il fanatismo degli Edeniti. Dutch, attraverso attrezzature sofisticate, monitora costantemente la situazione nella contea; così è in grado di riferire a Rook che tutti i membri della sua squadra sono vivi, ma ciascuno di loro è tenuto prigioniero da uno dei tre fratelli di Joseph. Essi infatti si sono spartiti il controllo della contea, dividendola in tre regioni. Inoltre Dutch consegna a Rook una pistola, una mappa e una radio per poterlo guidare nella lotta contro gli Edeniti.

Torna all'indice

Regione di John

John Seed

Su consiglio di Dutch, Rook si reca a Fall's End, nella regione assoggettata da John Seed, il fratello minore di Joseph, che sfrutta la popolazione del luogo requisendo sia cibo e acqua sia alcune persone. John è dominato dall'idea del peccato e ritiene che esso si possa espiare mediante una semplice parola: Sì!. Il peccatore deve ammettere di essere tale e deve dichiarare di voler essere redento. Rook ha saputo da Dutch che Hudson è prigioniera di John; giunto a Fall's End, sgombera la zona dagli Edeniti e libera così il parroco Jerome e Mary May, proprietaria del bar della cittadina, che si uniscono a Rook per combattere la setta.

Membri della resistenza

Primo rapimento

Durante lo svolgimento di una missione, Rook viene catturato dagli Edeniti e portato ad un rito di purificazione celebrato da John, che usa le maniere forti nei confronti del vice finché Joseph interviene dicendogli che il loro scopo è quello di convertire Rook. John allora si calma e fa salire Rook su un furgone diretto al suo bunker, dove vengono tenuti i prigionieri, in attesa che confessi i propri peccati.

Il parroco Jerome e i suoi tendono un'imboscata al furgone, uccidono le guardie e liberano i "passeggeri". Durante il tragitto, Rook è venuto a sapere che John tortura i peccatori affinché confessino tutte le loro colpe, poi tatua su di loro il peccato di cui devono liberarsi, e infine lo strappa via con un pugnale: questo è l'inizio della redenzione. Rook continua a svolgere missioni contro la setta: la più importante è quella di aiutare Nick Rye, abile pilota di aerei, a recuperare il suo velivolo, che è stato rubato dagli Edeniti. Riavuto l'aereo, Nick decide di unirsi alla resistenza.

Secondo rapimento

Rook viene di nuovo catturato dagli Edeniti e portato nel bunker, dove era stata condotta precedentemente Hudson: i due sono nella stanza delle torture, legati. Poco dopo arriva John, che spiega come è giunto a comprendere il Potere del Sì: una volta, da piccolo, mentre veniva picchiato dai genitori, ha smesso di sentire dolore e ha continuato a ripetere . Chiede poi quale dei suoi due "ospiti" vuole essere il primo a confessare e Rook si offre di iniziare; mentre John porta Hudson in un'altra stanza, Rook si libera. John lascia che fugga, dicendo che ha capito qual è il suo peccato (l'ira) e che tornerà a prenderlo quando sarà il momento.

Terzo rapimento

Rook compie altre missioni finché John non lo invita nella chiesa di Fall's End per fargli confessare e espiare i suoi peccati. Arrivato lì, Rook viene stordito da un colpo alla testa; quando si risveglia, vede che John gli sta tatuando la parola Ira. Si accorge inoltre che anche Nick Rye, Jerome e Mary May sono tenuti in ostaggio. Nick accetta il rituale perché, se non lo facesse, gli Edeniti ucciderebbero sua moglie: così gli viene strappato un lembo di pelle con tatuato il suo peccato: Avarizia. Dopo tocca a Rook; egli finge di accettare la redenzione e di giurare sulla "Parola di Joseph", una specie di Bibbia: in realtà Jerome aveva sostituito il libro con una vera Bibbia contenente una pistola. Rook prende la pistola nascosta all'interno del libro.

Fine di John

Gli Edeniti fuggono portando via John, che arriva al ranch e decolla col suo aereo privato. Gli ostaggi nel frattempo si liberano e uccidono i membri della setta presenti; Rook si impossessa di un velivolo e, coadiuvato da Nick Rye, ingaggia una battaglia aerea contro John, che precipita; egli, ferito, atterra vicino al suo bunker, ma viene ucciso da Rook, che prende la chiave delle celle dal cadavere e va subito a liberare i prigionieri. Infine fa saltare in aria il bunker. La regione che si trovava sotto il controllo di John Seed è libera. In un filmato si vede Joseph addolorato per la morte del fratello: egli afferma che il secondo sigillo è stato aperto.

Torna all'indice

Regione di Faith

Faith Seed

Rook si reca nella regione controllata da Faith Seed, sorella adottiva di Joseph, che si serve di una droga chiamata gaudio per provocare allucinazioni. Dutch gli comunica via radio che dall'ex prigione di quella zona proviene una richiesta di aiuto della resistenza: giunto lì, Rook constata che l'edificio è assalito dagli Edeniti e aiuta gli uomini che si trovano all'interno, i quali sono guidati dallo sceriffo Whitehorse, messosi in qualche modo in salvo dopo l'esplosione dell'elicottero. Rook incontra poi Virgil Minkler, sindaco di Hope County, che gli consegna una spilla dei "Cougars": questo era il nome di una squadra di baseball, usato ora per indicare la resistenza nei confronti di Faith.

Prima allucinazione

Subito dopo, Rook subisce un'allucinazione da gaudio indotta da Faith, che gli appare in un locus amoenus e gli racconta la propria storia: a diciassette anni è stata ostracizzata dalla comunità perché abusata dalla sua famiglia; si è allora rifugiata nell'alcool e nella droga finché Joseph non l'ha salvata. Durante l'allucinazione Rook vede anche Burke: è vivo, ma prigioniero di Faith. Poi Faith costringe Rook a saltare giù dalla gigantesca statua del Padre: egli salta e si risveglia fra molti cadaveri, ma in pieno possesso delle sue facoltà mentali. Rook fa poi crollare la statua del Padre e brucia la copia del "Libro di Joseph" appartenente a Faith, che ha paura di una punizione del Padre.

Seconda allucinazione

Faith vuole ancora provare a convertire Rook e lo fa cadere di nuovo vittima di un'allucinazione; lo porta in un luogo dove Joseph sta predicando. Fra i presenti c'è anche Burke. Mentre il Padre parla dell'imminente fine del mondo, si vede sullo sfondo un'esplosione, causata probabilmente da una bomba atomica. Rook si risveglia nella base dei Cougars in overdose da gaudio.

Terza allucinazione

Una volta guarito, Rook danneggia le coltivazioni e i depositi di gaudio. Faith gli provoca allora una nuova allucinazione: Rook si ritrova nel locus amoenus e incontra Burke, che afferma di essere felice in questo posto e di non volerlo lasciare. Rook riesce comunque a salvare Burke e lo porta nella sede dei Cougars nonostante Tracey, che fa parte della resistenza, sia contraria a tenere Burke all'interno della base operativa: la donna sostiene che egli è stato per troppo tempo sotto l'effetto del gaudio e che perciò Faith potrebbe essere ancora in grado di manipolarlo.

Quarta allucinazione

Uscito dal rifugio, Rook cade di nuovo vittima di un'allucinazione da gaudio: Faith, adirata, gli mostra Burke che, controllato mentalmente da lei, durante una tranquilla partita a carte con Virgil Minkler, prende la pistola e lo uccide, poi toglie tutte le protezioni del rifugio e infine si suicida. Gli Edeniti subito attaccano la base; Rook combatte contro di loro e riesce a liberarla.

Fine di Faith

Il vice cade per l'ultima volta vittima del gaudio: scopre così che Faith ha catturato lo sceriffo Whitehorse. La donna sfida a duello Rook, che, anche se in preda alle allucinazioni, riesce a ucciderla. Faith, in punto di morte, afferma che il Padre, quando lei aveva diciassette anni, l'ha imbottita di droga e minacciata. Dice poi che Joseph pensa di essere il salvatore, ma sarà Rook a decidere l'esito finale: è stato l'inizio, e sarà anche la fine. Rook si dirige al bunker di Faith per liberare lo sceriffo Whitehorse, che trova dentro una cella inondata costantemente dal gaudio: l'unico modo per salvarlo è chiudere le valvole che permettono la fuoriuscita della sostanza. Rook ci riesce in poco tempo, e distrugge l'impianto; poi lui, lo sceriffo e gli altri prigionieri fuggono in auto. Subito dopo il bunker esplode. Segue un filmato in cui Joseph piange per Faith e dice che con la sua morte è stato aperto il terzo sigillo.

Torna all'indice Whitehorse e Tracey

Regione di Jacob

Jacob Seed

Rook si dirige verso la regione controllata da Jacob, il più anziano dei fratelli Seed, che è un veterano della prima Guerra del Golfo, combattuta in Iraq. La sua filosofia è quella di Sfoltire il branco: i deboli devono essere sacrificati per permettere ai più forti di sopravvivere. La sua regione è caratterizzata dalla presenza di lupi drogati di gaudio, chiamati giudici. Dutch consiglia a Rook di liberare alcuni membri della resistenza tenuti prigionieri in una segheria, che poi lo aiuteranno. Rook compie questa missione e ne intraprende altre, finché viene contattato via radio da Jacob in persona, che gli dice di aver mandato i propri cacciatori a prenderlo: così infatti avviene.

Prima prova

Rook si risveglia in una base dove Jacob sottopone a varie prove tutti i membri della resistenza che cattura: i deboli muoiono, mentre i forti diventano macchine da guerra che combattono per lui. Rook viene legato da Pratt, che è stato rapito da Jacob dopo lo schianto dell'elicottero e ora obbedisce ai suoi ordini. Poi Jacob tiene un discorso in cui illustra ai prigionieri la sua filosofia. Finita la predica, prende un carillon che suona la canzone "Only you" dei The Platters: tutti i prigionieri, compreso Rook, ne vengono soggiogati mentalmente. Jacob sta infatti usando la tecnica del condizionamento classico: all'ascolto di questa particolare canzone, scatta l'istinto automatico di uccidere.

Per sopravvivere alla prova, Rook deve uccidere tutti gli altri prigionieri: ci riesce. Quando si riprende, vede delle persone armate: sono membri dei Whitetail, la resistenza della zona, guidati da Eli, che ordina ai suoi di portare Rook nella loro base, la Tana del Lupo. Tammy, una donna presente alla base, è contraria alla decisione di Eli, perché teme che Rook possa essere controllato psicologicamente da Jacob. Rook compie alcune missioni per i Whitetail, finché non viene nuovamente rapito. Si risveglia all'interno di una gabbia, e vede Jacob e Joseph.

Eli Palmer

Storia del Padre

Joseph racconta a Rook la sua storia: egli era sposato, ma sua moglie morì in un incidente stradale mentre stava aspettando un figlio. I medici riuscirono comunque a salvare la neonata. Joseph, rimasto da solo con la bambina nella stanza dell'ospedale, pregò per capire cosa Dio volesse da lui; infine capì: strappò i tubi delle apparecchiature che tenevano in vita sua figlia, e la lasciò morire. Lui non considerava questa azione crudele o folle, ma la vedeva come una prova a cui Dio lo aveva sottoposto: Dio dà e Dio toglie [...]. Bisogna dimostrare di saper servire Dio, a prescindere da quello che chiede. Dio lo aveva avvisato che la fine del mondo era imminente e gli aveva detto di fondare l'Eden's Gate.

Seconda prova

Jacob apre di nuovo il carillon e inizia per Rook la seconda prova, più lunga della prima: anche questa volta egli deve uccidere tutti coloro che si trova davanti, incitato da Jacob. Superata la prova, si risveglia vicino a delle montagne; ben presto, però, Jacob lo fa rapire di nuovo e lo tiene in gabbia per una settimana, senza cibo né acqua.

Storia di Jacob

L'ottavo giorno, Jacob gli dà del cibo; mentre Rook mangia, l'altro gli racconta la propria storia. Mentre era in Iraq per la prima Guerra del Golfo, cadde in un'imboscata insieme a un commilitone, Miller. I due rimasero per giorni senza cibo; poi finì anche l'acqua. L'ottavo giorno Jacob capì che, se voleva sopravvivere, doveva uccidere Miller e compiere un atto di cannibalismo: questa era la sua prova, ed egli la superò. I deboli hanno uno scopo: quello di Miller era far sì che Jacob giungesse dov'è ora.

Terza prova

Finito il racconto, Jacob apre di nuovo il carillon e per Rook comincia la terza prova, analoga alle precedenti, ma ancora più lunga. Rook la supera, poi si risveglia inspiegabilmente lontano dalla base.

Quarta prova

Jacob manda i suoi cacciatori a catturare Rook, che al risveglio si trova di nuovo in una gabbia. Jacob fa suonare il carillon, dando inizio alla quarta e ultima prova: questa volta Rook deve affrontare i Whitetail; egli uccide tutti i suoi avversari, fra cui Eli. Jacob comunica a Rook che ha completato la prova, ma ora è solo e debole e deve essere ucciso: lo sfida quindi a duello. Durante la lotta, Jacob dice a Rook che è solo carne e che deve morire, perché ormai ha svolto il suo compito, e perché anche i suoi amici sarebbero più al sicuro senza di lui.

Fine di Jacob

Quando viene ferito mortalmente, Jacob si rivela il più scettico dei fratelli nei confronti della religione. Non sa se Joseph parli veramente con Dio; egli ha comunque ragione: tutti i grandi imperi, come quello romano, sorgono e vengono distrutti. L'America non fa eccezione. Rook ha solo accelerato questo processo di distruzione, portando gli eventi al punto che Joseph aveva profetizzato.

Torna all'indice

Rook e il Padre

Joseph Seed

In un filmato si vede Joseph addolorato per aver perso tutti i suoi fratelli. Con la morte di Jacob è stato aperto il quarto sigillo. Il padre invita Rook a raggiungerlo nella sua chiesa. Quando i due si incontrano, Joseph dice che il quinto sigillo è stato rotto e che, come Rook ha ucciso la sua famiglia, egli ora sterminerà quella del vice: infatti ha drogato tutte le persone incontrate da Rook e ha ordinato loro di catturare Whitehorse, Pratt e Hudson. A questo punto il Padre propone a Rook due opzioni: continuare a combattere oppure andarsene illeso con i suoi compagni. A seconda della scelta di Rook si avranno due diversi finali di gioco.

Torna all'indice

Due possibili finali

1) Se il giocatore decide di resistere, Joseph interpreta questa scelta come la rottura del sesto sigillo. Rook deve far tornare in sé tutti i suoi alleati che inizialmente, sotto l'effetto della droga, gli sparano; poi, con il loro aiuto, sconfigge Joseph, il quale afferma che ciò rappresenta la rottura del settimo e ultimo sigillo, a cui seguirà immediatamente la fine del mondo, voluta da Dio. Mentre Rook e i suoi stanno per mettergli le manette, si vede qualcosa che scoppia e divampa un incendio. Muoiono tutti tranne Joseph, Rook e i suoi compagni, che salgono in auto e si dirigono verso il bunker di Dutch. Durante il tragitto, un albero cade sopra al veicolo; all'impatto sopravvivono solo Joseph e Rook, che sviene. Joseph allora prende Rook sulle spalle e lo porta nel bunker di Dutch, uccidendo quest'ultimo. Quando Rook riprende conoscenza, Joseph gli dice che il mondo è stato purificato. Egli non ha intenzione di uccidere Rook, che è diventato la sua "famiglia": Joseph ora considera il loro rapporto come quello tra padre e figlio. Nota: in realtà, ciò che si vede è un missile. Si tratta di una bomba atomica lanciata da una nazione ostile all'America come dichiarazione di guerra.

Paesaggio devastato

2) Se il giocatore sceglie di allontanarsi, Joseph mantiene la parola data e lascia andare Rook e la sua squadra. Lo sceriffo Whitehorse non vuole che Joseph rimanga impunito e dice di voler chiamare la Guardia Nazionale; poi accende la radio, parte la canzone "Only You" e lo schermo diventa nero. Il giocatore sa bene cosa succede quando Rook ascolta quella canzone: la schermata nera lascia supporre che egli uccida la sua squadra.

Torna all'indice