La Fotografia Urbana

La fotografia urbana è classificabile, da una parte in tutto ciò che si propone di visualizzare o testimoniare la storia delle città nelle espressioni quotidiane abituali o nelle evoluzioni architettoniche nel corso del tempo, dignitosamente custodite e rese fruibili dall'uomo.
Questo sottogenere comprende sia la fotografia di architettura urbana che la fotografia paesaggistica urbana.
Dall'altra parte troviamo in maniera del tutto antitetica, se si considerano i messaggi che vuole trasmettere, il più recente sottogenere chiamato fotografia di esplorazione urbana.

Non c'è dubbio che il primo macro sottogenere sia tra i più conosciuti e anche più apprezzati dalla maggior parte delle persone.
Grazie alla sua percepita facilità di realizzazione, ne fanno il sottogenere più frequentato dai fotografi amatoriali oltre che dai fotografi professionisti.
Tuttavia questo elemento non deve trarre in inganno sulla più o meno facilità di realizzazione, in quanto per far sì che il soggetto fotografato regali un momento di condivisione apprezzato e generatore di emozioni, c'è bisogno di competenze tecniche di assoluto rilievo in tutte le fasi di realizzazione del progetto fotografico, dalla composizione alla scelta dell'esposizione.

Città, monumenti, borghi e tutti altri elementi antropici possono essere ottimi soggetti fotografici.
Nella fotografia architettonica, l'elemento artificiale è il soggetto principale della foto, occupa gran parte della composizione e spesso è singolo:
una piazza, un edificio, un complesso di edifici (si pensi alle Twin Towers o alle Petronas Towers).
Altri eventuali edifici o il paesaggio urbano/naturale fanno al più da sfondo al soggetto principale.
Nella fotografia architettonica trovare la giusta composizione risulta più difficile di quanto si possa pensare. Una foto di un edificio ripreso frontalmente che riempie perfettamente la composizione (ad esempio una chiesa o un palazzo) è quanto di più semplice ci sia.

Un'attività, relativamente recente, che possiamo far rientrare nel genere della fotografia urbana, è l'attività fotografica che accompagna le attività del movimento chiamato Urbex, forma contratta dell'espressione inglese "Urban Exploration", che in italiano assume il significato di esplorazione urbana.
Questa attività si occupa dell'esplorazione di ambienti civilizzati in aree off-limits, spesso ambienti decadenti ed ormai in disuso.
Obiettivo del fotografo di esplorazione urbana è di raccontare, attraverso le immagini, la storia di quei luoghi tramite il silenzio dell'ambiente o ciò che accadeva al suo interno e quindi rappresentare anche il vuoto per raccontare la sua storia e renderla immortale.
Viene mostrato un lato del mondo che non viene mai quasi trattato.